SPAGHETTI Vongole e Pecorino Romano DOP

Scroll
N.persone

4

durata preparazione

preparazione

cottura

SPAGHETTI Vongole e Pecorino Romano DOP

INGREDIENTI

  • 320 g di Spaghetti;
  • 1 kg di Vongole;
  • 100 ml Olio evo;
  • 1 spicchio d’Aglio;
  • 1 ciuffo di Prezzemolo;
  • 1 g Pepe di Sarawak in polvere;
  • 150 g di Pecorino Romano DOP grattugiato;
  • 200 g Melanzana;
  • 5 g Sale.

preparazione

In una padella, rosolare uno spicchio di aglio, dei gambi di prezzemolo, unire le vongole, coprire e cuocere a fuoco vivo per alcuni minuti.

Lavare, pelare, tagliare a cubetti e cuocere le melanzane con un filo d’olio e un pizzico di sale.

Cuocere gli spaghetti in abbondante acqua salata bollente, scolare e mantecare con l’acqua delle vongole.

 

FINITURA E PRESENTAZIONE

A cottura ultimata e a fuoco spento aggiungere il Pecorino Romano DOP, le vongole e il prezzemolo tritato e per ultimo aggiungere le melanzane che dovranno rimanere croccanti. Servire con una spolverata di Pecorino Romano DOP che terminerà il piatto.

CHEF: Lorenzo Giacco

Classe 1965, romano, ex giurista di impresa decide all’età di 40 anni di seguire il suo sogno, cucinare. Riconosce che non ha gli anni di esperienza di altri cuochi, ma sente la forza che gli viene dal vedere le persone gustare i suoi piatti, il rispetto del cibo e dei prodotti sani e del territorio. Una cucina nel rispetto della stagionalità e nel rispetto della nutrizione, una cucina “Green”, caratterizzata da gusto, rispetto, elementi e naturalità. Oggi il suo sogno di aprire un ristorante è diventato realtà ed è lo Chef de L’osteria degli Avvocati, Roma.

Ricetta realizzata in collaborazione con APCI

CONDIVIDI

contatti

Consorzio per la tutela
del formaggio Pecorino Romano

Corso Umberto I, 226
08015 Macomer NU
Italia

Per informazioni generali
scrivici qui

Seguici sui social

Scrivici per ricevere
informazioni sul progetto






    Il contenuto di questa campagna promozionale rappresenta soltanto le opinioni dell’autore ed è di sua esclusiva responsabilità.
    La Commissione europea e l’Agenzia esecutiva europea per la ricerca (REA) non accettano alcuna responsabilità riguardo al possibile uso delle informazioni che include.