SEDANI RIGATI AL PECORINO ROMANO DOP E SALVIA CON PANCETTA DOLCE CROCCANTE

Scroll
N.persone

1 persona

durata preparazione

preparazione
--

cottura

Cottura q.b.

SEDANI RIGATI AL PECORINO ROMANO DOP E SALVIA CON PANCETTA DOLCE CROCCANTE

INGREDIENTI

Pecorino Romano DOP g. 10;

Foglie di salvia g. 3;

Nocciole sgusciate g. 7;

Pancetta dolce a fette g. 30;

Sedani rigati g. 80;

Olio extravergine di oliva g. 15;

Sale g. 2;

Pepe bianco g. 3.

preparazione

Prima lavorazione: Lavare le foglie di salvia, tostare le nocciole, grattugiare il Pecorino Romano DOP; tritare grossolanamente le nocciole, tagliare 4 foglie di salvia a julienne.

Inserire nel mixer la salvia lavata, le nocciole tostate, il Pecorino Romano DOP grattugiato e l’olio di oliva. Frullare fino a rendere il composto fine e omogeneo. Tostare la pancetta in una padella anti- aderente senza nessun condimento fino a che diventerà croccante.

Asciugare le fette su una carta assorbente da cucina e cuocere la pasta in abbondante acqua salata. Aggiungere un mestolino d’acqua di cottura alla crema di Pecorino Romano DOP e salvia.

Trasferire la pasta pronta in una padella, aggiungere la crema di Pecorino Romano DOP e un mestolino di acqua. Amalgamare bene il tutto. Tagliare a julienne la pancetta.

 

FINITURA E PRESENTAZIONE

Impiattare la pasta, disponendovi sopra la pancetta e la salvia a julienne. Cospargere con le nocciole tenute da parte e spolverare con il pepe bianco.

 

Ricetta realizzata nell’ambito del contest “Pecorino Romano for You-Delivery” rivolto agli studenti alberghieri e in collaborazione con APCI.

Autore: MARIA G. – I.P.S.S.E.C. “ADRIANO OLIVETTI” – MONZA

CONDIVIDI

contatti

Consorzio per la tutela
del formaggio Pecorino Romano

Corso Umberto I, 226
08015 Macomer NU
Italia

Per informazioni generali
scrivici qui

Seguici sui social

Scrivici per ricevere
informazioni sul progetto






    Finanziato dall'Unione europea. Le opinioni espresse appartengono tuttavia al solo o ai soli autori e non riflettono necessariamente le opinioni dell'Unione europea o dell’amministrazione erogatrice. Né l'Unione europea né l'amministrazione erogatrice possono esserne ritenute responsabili.