DIVERSAMENTE GNOCCO – DI PECORINO ROMANO DOP –

Scroll
N.persone

durata preparazione

preparazione

cottura

DIVERSAMENTE GNOCCO  – DI PECORINO ROMANO DOP –

INGREDIENTI

Farina tipo 00 g. 500;
Pecorino Romano DOP g. 200;
Acqua naturale ml. 500;
Curcuma macinata g. 20;
Sale grosso g. 20;
Pepe nero macinato g. 20;
Olio di semi di girasole l. 1

preparazione

Mettere a bollire l’acqua in una casseruola, versare il sale e la curcuma in polvere, versare tutta la farina in un sol colpo e far cucinare per alcuni minuti a fuoco dolce fino a che il composto si stacchi dalle pareti della casseruola. Una volta ottenuto un composto sodo ed omogeneo, versarlo sul banco da lavoro e aggiungere 150 grammi del peso del Pecorino Romano DOP e
20 grammi del peso del pepe macinato e lavorare bene fino ad ottenere un composto liscio e lavorabile.
Per gli gnocchi: Formare i filoncini, tagliare gli gnocchi e ripassare ogni gnocco con la punta dell’indice, uno alla volta, per formare l’incavo.
Nel frattempo, portare l’olio a temperatura ideale per poter friggere (170°C), versare lo gnocco e farlo dorare per bene, scolarlo e riporlo su carta assorbente. Una volta cotti tutti gli gnocchi e ancora caldi, mescolarli in una ciotola con la rimanenza del Pecorino Romano DOP e il pepe.
FINITURA E PRESENTAZIONE
Servire gli gnocchi ancora caldi per un aperitivo o per uno stuzzichino, magari anche in versione street food.

 

Chef: "Ricetta realizzata nell’ambito del contest “Rispettare il pianeta partendo dagli ingredienti” rivolto agli studenti alberghieri e organizzato in collaborazione con APCI (2022-2023). Autore: SAMUELE B.– IPSSAR UGO TOGNAZZI

CONDIVIDI

contatti

Consorzio per la tutela
del formaggio Pecorino Romano

Corso Umberto I, 226
08015 Macomer NU
Italia

Per informazioni generali
scrivici qui

Seguici sui social

Scrivici per ricevere
informazioni sul progetto






    Finanziato dall'Unione europea. Le opinioni espresse appartengono tuttavia al solo o ai soli autori e non riflettono necessariamente le opinioni dell'Unione europea o dell’amministrazione erogatrice. Né l'Unione europea né l'amministrazione erogatrice possono esserne ritenute responsabili.